computer ricondizionati portatili

Computer ricondizionati portatili. Cosa sono, scopri come sceglierli

La fascia dei computer ricondizionati portatili sta guadagnando sempre più interesse tra gli utenti. Ma in cosa consistono esattamente i computer ricondizionaticomputer ricondizionati portatili portatili e come vanno scelti?

Scopriamo insieme in questo articolo.

 

Cosa sono i computer ricondizionati portatili?

Così come gli smartphone ricondizionati, anche i pc o notebook possono essere ricondizionati per permetterne un nuovo uso.

Il ricondizionamento, conosciuto anche con il termine inglese refurbished è un attività che consiste nella riparazione, aggiornamento e pulizia completa ed approfondita del dispositivo, che poi viene rimesso in vendita come rigenerato o ricondizionato con una garanzia di 12 mesi.

Si tratta di una categoria in forte crescita come interesse, visto che consente di acquistare un notebook performante ad un ottimo costo. I computer ricondizionati portatili e fissi sono infatti la categoria che ha un miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato informatico.

 

Da dove arrivano i computer ricondizionati portatili?

Nessun sistema illegale alla base di questo mercato di notebook, ma semplicemente, così come avviene per le automobili, la volontà di dare una seconda vita ad apparecchiature aziendali che possono ancora essere utili.

Il mercato del business e delle flotte aziendali si basa infatti su un ricambio pressoché continuo di dispositivi, che vengono sostituiti principalmente per fini fiscali o burocratici.

Questo porta a venire “scartati” dei computer portatili che sono ancora molto performanti e sono stati utilizzati poco o niente.

In alcuni casi sono addirittura dei computer portatili che non sono mai stati utilizzati, ma solamente acquistati in maniera errata.

Per finire, a volte possono essere macchine che sono solamente state esposte, magari in “sale demo” o in collocazioni fieristiche.

 

computer ricondizionati portatiliComputer portatili ricondizionati, il processo

Ognuno dei prodotti appartenenti ad una delle categoria sopracitate, per diventare un notebook ricondizionato deve superare un rigoroso processo di controllo e pulizia, come prescrive anche un’apposita legge.

I dispositivi innanzi tutto vengono controllati in ogni loro aspetto e funzionalità, al fine di verificare che gli stessi siano funzionali al 100%.

Eventuali componenti che non dovessero superare questo test verranno sostituite, al fine di portare la macchina alle massime prestazioni possibili.

I driver delle periferiche vengono poi aggiornati e tutti gli update eseguiti. Lo stesso tipo di controllo viene poi eseguito anche su tutti gli accessori presenti, dagli alimentatori ad eventuali periferiche esterne facenti parte dell’articolo.

Questo controllo è parte fondamentale della qualità dei computer portatili rigenerati. Ecco perché viene svolto da realtà specializzate che hanno le competenze ed i mezzi per effettuare una completa revisione, aggiornamento e per garantire i 12 mesi di garanzia previsti per legge per questo tipo di apparecchiature.

Il processo termina poi con una completa pulizia ed igienizzazione del prodotto. Un attività realizzata in maniera professionale, che garantisce che il prodotto che stiamo acquistando sia pari al nuovo.

 

Usato o ricondizionato?

Esistono vari termici che si utilizzano per questi dispositivi. Alcuni hanno lo stesso significato, altri no.

Ecco quindi che dovremo fare molta attenzione in fase di scelta.

Ricondizionato, rigenerato e refurbished indicano tutti la stessa cosa, sono termini equivalenti e possono essere scambiati e paragonati senza problemi.

Un notebook usato è invece un dispositivo che è stato utilizzato per molto tempo e che solitamente viene venduto così, com’è, spesso addirittura con la tanto rinomata formula “visto e piaciuto”.

 

Garanzia di un notebook ricondizionatocomputer ricondizionati portatili

Come già indicato, un notebook ricondizionato deve essere dotato di una garanzia minima pari a 12 mesi. Lo prevede la legge, quindi è pienamente diritto dell’utente richiederla ed ottenerla.

 

Perché scegliere computer ricondizionati portatili?

Un computer ricondizionato ha solitamente al massimo tre anni di vita. Nonostante questa “età”, il fatto che sia perfettamente aggiornato e ripulito, lo rende adatto per tantissime applicazioni, con il vantaggio di spendere molto meno rispetto ad una macchina equivalente nuova.

I vantaggi non sono solamente economici, ma ci sono varie ragioni che fanno propendere sempre più persone a valutare e scegliere un computer portatile rigenerato. In particolare:

  • un computer portatile rigenerato costa solitamente attorno ai 60% in meno rispetto alla sua versione nuova
  • il sistema operativo in esso installato sarà aggiornato all’ultimo update e dotato di licenza
  • si aiuta a salvare l’ambiente riducendo il numero di rifiuti elettronici e la non necessaria produzione di nuovi articoli
  • sostieni il lavoro locale. A differenza del processo produttivo di un computer nuovo che ormai è demandata quasi totalmente ai paesi orientali, l’attività di rigenerazione dà lavoro a professionisti ed aziende italiane.

 

Quali tipologie di portatile e marche possono acquistare?

Tutte le tipologie di computer portatili esistenti in commercio, sono disponibili anche in versione rigenerata. Stessa cosa anche per i brand, soprattutto quelli più prestigiosi e conosciuti.

 

computer ricondizionati portatiliQuali sono gli usi possibili dei computer ricondizionati?

Come per il punto precedente, qualsiasi uso possibile per i computer ricondizionati nuovi è fattibile anche per i rigenerati. Sarà solo necessario, come per le macchine nuove, scegliere dispositivi che abbiano le caratteristiche giuste per l’uso a cui le vogliamo destinare.

 

I gradi dei computer ricondizionati

Quando cerchiamo un computer portatile ricondizionato, spesso troviamo indicato di fianco al brand ed alle caratteristiche tecniche anche il grado di ricondizionamento. Un valore indicato tramite le lettere dell’alfabeto e che va solitamente dal migliore “A”, al peggiore “D”.

Ma cosa indicano esattamente queste lettere?

Grado A

Tutti notebook che finiscono in questa categoria non hanno alcun difetto estetico o se presente è veramente minimo e notabile solo da vicino e facendo molta attenzione. Si considera spesso paragonabile ad un computer portatile nuovo.

Grado B

Tecnicamente questo computer è perfetto e completamente funzionante. Aggiornato e pulito dal punto di vista delle prestazioni, ma meno da quello estetico. I portatili Grado B possono infatti presentare leggeri segni di usura o piccoli graffi ed ammaccature sulla superficie esterna e interna.

Grado C

Ancora una volta, anche in questo caso, il computer portatile è tecnicamente perfetto, ma i graffi e l’usura iniziano ad essere alquanto visibili. Il case potrebbe addirittura essere scheggiato o rotto in piccole aree. Questo è l’ultimo grado in cui il computer viene venduto e solo in rari casi.

computer ricondizionati portatili

Grado D

Il computer portatile presenta difetti importanti che ne possono anche precludere le prestazioni. Non esistono in commercio portatili ricondizionati di questo grado. Le macchine classificate con questa lettera vengono infatti solitamente smaltite o utilizzate solo per le parti di ricambio.

Computer ricondizionati portatili, conclusioni

Un interessante opportunità, che coniuga il miglior rapporto possibile qualità/prezzo e strizza anche l’occhio all’ecologia ed all’ambiente. Perché non farci un pensierino per il tuo prossimo computer portatile?

Vuoi acquistare questo prodotto?

Condividi questo articolo
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Perché Sceglierci
Clienti Soddisfatti