Raspberry

Raspberry pi, scopri tutto sul mini pc single board più famoso

A volte le dimensioni non contano, come nel caso di Raspberry Pi. Progetto dell’omonima fondazione, la Raspberry Pi Foundation, questo computer è il mini pc aRaspberry singola scheda più famoso del mondo.

Nato nel 2012 e cresciuto grazie ad una solida comunità di supporters, questo pc ha “stravolto” il concetto dell’informatica e dei computer moderni, puntando a far riscoprire l’essenza della stessa.

 

Cos’è il Raspberry Pi

Mini pc ideale come base per la creazione di progetti hardware, ecco cos’è Raspberry PI.

Presentato il 29 febbraio 2012, questo computer a scheda singola è progettato per eseguire sistemi operativi basati su Linux o Risc Os. Prodotto nel Regno Unito, il Raspberry Pi viene assemblato in Galles, presso il Sony UK Technology Centre.

Oltre ad un hardware innovativo ed unico, anche a livello di sistema operativo Raspberry si avvale di qualcosa di unico e sviluppato in esclusiva, il Raspberry Pi OS.

Alternativa all’altrettanto famoso Arduino, il Raspberry Pi è nato come banco di prova e tester per progetti di robotica e di ricerca, sia a livello amatoriale che professionale.

 

Come funziona Raspberry Pi

Mini computer montato su una singola scheda preconfigurata ed espandibili è abbinato ad una piattaforma di programmazione che ne garantisce un espandibilità completa.

Nella sua configurazione standard il Raspberry Pi prevede una porta LAN, connettività USB, una porta HDMI, uno slot per schede di memoria, un jack audio ed una Mini USB per l’alimentazione.

Nelle varie versioni dedicate o “espanse” il Raspberry Pi può avere molte altre porte ed uscite che gli permettono di collegarsi a sistemi esterni di output (monitor e stampanti) o di input (come ad esempio le webcam).

 

RaspberryA cosa serve il Raspberry Pi

Si tratta di un mini computer vero e proprio, che oltre ad essere usato con le stesse funzioni di un personal computer può diventare la base per tantissimi altri progetti e configurazioni.

Raspberry Pi è infatti un ottima base da cui partire, “fondamenta” che i programmatori nel tempo hanno usato per tantissimi progetti. Il Raspberry Pi è stato utilizzato per creare videogiochi, simulare console di gioco portatili, comandare e gestire i movimenti di robot più o meno complicati, macchine fotografiche e webcam.

Così come Arduino, con cui può anche essere integrato per una moltiplicazione delle possibilità e funzionalità d’uso, Raspberry Pi è una soluzione completa e performante, ottima base di partenza per infiniti progetti.

 

Raspberry Pi

La prima versione, “non Beta” di Raspberry Pi viene prodotta e venduta nel 2012 in 10000 pezzi. Già dotata di tutta la componentistica base che sarà poi presente in ogni nuovo modello, il prezzo Raspberry Pi è di 25$.

Questa versione subirà diversi aggiornamenti che andranno soprattutto ad incrementare le porte USB presenti.

 

Raspberry Pi2.

Tre anni dopo il primo lancio nasce Raspberry Pi2. Al costo di 35$ la scheda aggiunge un Gb di ram dedicata, un processore più potente e per la prima volta la possibilità di connessione Wi-Fi.

 

Dopo la versione 2, l’evoluzione di Raspberry continuerà non solo in maniera graduale con nuove versioni, ma anche sdoppiandosi, per funzionalità diverse in base alla denominazione stessa; nascono infatti il model A+ e B+, entrambi terza generazione di Raspberry.

 

Raspberry Pi 3 model A+

Questa versione si può considerare come la più economica tar le due. Compatta e poco costosa, presenta una singola scheda dotata di un processore da 1,4 Ghz e 0,52 Gb di RAM; realizzato con un fattore di forma Compact punta tutto sulla funzionalità del Wi-Fi per le connessioni di rete, non essendo equipaggiato di una porta LAN. Dotato un totale di 3 porte USB tra standard e Mini, questa configurazione è un ottima base di partenza per molti progetti.

 

RaspberryVersione Pi 3 model B+

Se le esigenze sono maggiori, con 10 dollari e qualche centimetro di ingombro in più si può optare per il modello B+. Questa versione aggiunge al Wi-Fi un totale di 4 porte USB 2, una porta Ethernet ed il supporto al Bluetooth.

Non solo connettività per questa versione, che è dotata anche di un processore a 64 bit da 1,4 Gb ed una memoria RAM da 1 Gb. A completare il tutto, una porta Hdmi ed un ingresso per la fotocamera Raspberry Pi.

Un ottimo modello del mini PC è il Raspberry Pi 3 modello B+, una scheda davvero completa con un’eccellente connettività. Il board presenta 4 porte USB 2.0, la connettività Bluetooth 4.2, una porta Ethernet Gigabit a 300 Mbps e il modulo Wi-Fi dual band. Il cuore del sistema è il processore quad core a 64 bit da 1,4 GHz con 1 GB di RAM, appoggiato sulla piattaforma Linux. Propone la configurazione GPIO con 40 pin, un porta HDMI full size e un ingresso CSI per il collegamento della fotocamera Raspberry Pi.

 

Lo stesso tipo di evoluzione e frammentazione continua nella versione 4. Versione presentata in un arco di tempo che va dalla seconda metà del 2019 al 2020.

Disponibile in varie configurazioni che si differenziano per la quantità di RAM, il numero di porte e la velocità del processore. Questa versione è stata ulteriormente differenziata tramite dei kit pensati per diversi usi, come ad esempio lo starter Kit o il suo fratello maggiore, una versione un pò più professionale.

 

Raspberry

Raspberry Pi 4 Model B Starter Kit

Uscito nel 2019, questo kit si compone della classica scheda che ospita un processore a 1,5 Ghz, 4 Gb di Ram e tutta la connettività online e via cavo possibile.

Questo kit aggiunge poi alla scheda una scheda microSD da 32 GB, un cacciavite, una micro HDMI, un lettore di schede e 2 ventole per il raffreddamento.

Disponibile con più o meno accessori in varie versioni, questo modello “per chi inizia” ha solitamente un costo attorno ai 140$.

 

Raspberry Pi 4 Model Pro

Disponibile in varie versioni, rispetti al modello precedente raddoppia la quantità di RAM arrivando ad 8 Gb.

Anche in questo caso alla scheda base vengono aggiunte ventole, accessori e supporti, per una miriade di possibilità e possibili usi.

 

Raspberry Pi5Raspberry

Ancora nessuna data ufficiale per la versione 5 di Raspberry. Ma il fatto che la 4 sia sul mercato da più di 4 anni fa pensare alla community che qualcosa bolla in pentola. I rumors si susseguono e le ipotesi sulla possibile dotazione di Raspberry Pi5 si susseguono.

Porte HDMI standard, meno bug, nuovi ingressi analogici, Bluetooth 5.2, più RAM e nuovi sistemi di raffreddamento. Queste sono solo alcune delle ipotesi della community. E secondo voi cosa avrà di sorprendente Raspberry Pi5?

Vuoi acquistare questo prodotto?

Condividi questo articolo
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Perché Sceglierci
Clienti Soddisfatti