Chat Gpt3 e scuola

Chat Gpt3 e scuola, l’intelligenza artificiale per lo studio

Chat Gpt3 e scuola

Dalla sua introduzione, avvenuta solo pochi mesi fa, Chat GPT3 sembra aver cambiato il mondo, apportando soluzioni in ogni campo. Uno dei tanti è l’interazione tra Chat Gpt3 e scuola, un settore molto interessante per studenti e professori ma che rischia di creare anche tanti problemi.

 

AI intelligenza artificiale per lo studio

Le soluzioni moderne di intelligenza artificiale (Chat GPT3 e tutti gli altri) possono davvero essere di grande aiuto per gli studenti. Interfacce software che basano il loro lavoro su una grandissima mole di dati possono semplificare il lavoro degli studenti.

Come tutte le soluzioni “automatiche” vanno però utilizzate in modo corretto, come supporto allo studio e non in sostituzione dello stesso.

Ma prima di scoprire cosa può fare Chat GPT3 per la scuola, torniamo un attimo alle basi dell’intelligenza artificiale.

 

Cos’è chat GPT?

ChatGPT è un modello di lingua sviluppato da OpenAI che utilizza l’intelligenza artificiale per rispondere alle domande degli utenti in modo autonomo.

Presente sul web ma qualsiasi utente da qualche mese, Chat GPT supporta più di 20 linguaggi e tramite un’interfaccia basata su stringhe di testo, che in maniera conversazionale permettono domande e risposte, può aiutare in molti campi.

Chat GPT è un database completo che può attingere dalla rete e dare risposte corrette, sia dal punto di vista della grammatica sia del contenuto.

Questa IA (intelligenza artificiale) è stata creata da OpenAI, un’organizzazione di ricerca non a scopo di lucro che si concentra sull’intelligenza artificiale e il suo impatto sulla società.

Importante ricordare che Chat GTP non è connessa direttamente a Internet, quindi non dispone di informazioni aggiornate (le ultime informazioni caricate dalla rete a Chat GPT3 risalgono al 2020).

 

Chat Gpt3 e altre AI

Chat Gpt3 e scuola

Esistono molti altri modelli di intelligenza artificiale oltre a Chat Gpt 3. Alcuni esempi sono:

IBM Watson: utilizzato per molteplici scopi, tra cui la diagnostica medica, la traduzione linguistica e l’analisi dei dati.
Google BERT: utilizzato per il natural language processing e la comprensione del linguaggio.
Amazon Alexa: utilizzato come assistente virtuale per controllare dispositivi smart home e rispondere alle domande degli utenti.

Questi sono solo alcuni esempi, ma ci sono molte altre AI che svolgono molteplici compiti in molti settori diversi.

 

Chat Gpt3 e scuola, come l’IA può essere d’aiuto

ChatGPT può aiutare in ambito scolastico in diversi modi, ad esempio:

 

 

  • Risposte alle domande su argomenti specifici: gli studenti possono utilizzare ChatGPT per ottenere risposte rapide e accurate su argomenti che stanno studiando.

  • Supporto nella stesura di compiti e relazioni: gli studenti possono utilizzare ChatGPT per generare idee e frasi complete per i loro compiti e relazioni.

  • Miglioramento del vocabolario: gli studenti possono utilizzare ChatGPT per imparare nuove parole e perfezionare la loro conoscenza del linguaggio.

  • Pratica di una lingua straniera: gli studenti possono utilizzare ChatGPT per praticare la conversazione in una lingua straniera e migliorare le loro capacità linguistiche.

 

 

Questi sono solo alcuni esempi, ma l’utilizzo di ChatGPT in ambito scolastico può essere molto versatile e flessibile, a seconda delle esigenze degli studenti e degli insegnanti.

 

Chat Gpt3 e scuola

Cosa non può fare Chat Gpt 3?

ChatGPT è in grado di elaborare informazioni in modo molto approfondito. Essendo un modello di lingua addestrato su grandi quantità di testo, è in grado di comprendere e analizzare molte informazioni diverse e di generare risposte dettagliate e accurate.

Questa capacità di elaborazione approfondita lo rende utile per molte applicazioni diverse, non solo in ambito scolastico, ma anche in ambito aziendale, medico, giuridico e molti altri.

Tuttavia, è importante tenere presente che ChatGPT è solo un modello di intelligenza artificiale e non è in grado di comprendere il contesto o le sfumature emotive in modo simile a un essere umano.

Oltre a sporadici errori grammaticali, in molti contesti Chat GPT3 presenta testi artificiali e poco “comuni” nella vita quotidiana. Spesso tende a compilare frasi molto lunghe e ridondanti, soprattutto quando non si vanno a dare istruzioni precise e dettagliate al motore di ricerca.

Questo modello di scrittura è poco “naturale” e sommato all’eventuale differenza rispetto allo stile di scrittura classico dello studente potrebbe essere facilmente riconoscibile.

Oltre al riconoscimento da parte di un “occhio esterno”, un testo prodotto da un algoritmo può essere riconosciuto anche da un altro algoritmo.

Esistono già su Internet diversi software e applicazioni, che in modo automatico, così come per il plagiarismo, possono andare a verificare la provenienza e l’originalità del testo.

 

Intelligenza artificiale come usarla per lo studio, le ricerche ed i riassunti per la scuola

Chat Gpt3 e scuola

Come Chat Gpt 3 può aiutare studenti e insegnanti nello studio?

Lo abbiamo chiesto all’Intelligenza Artificiale stessa, eccola la sua risposta:

 

  • AI-powered summarization tools: Questi strumenti possono aiutare a creare riassunti più brevi di documenti o testi lungo, rendendo più semplice la revisione dei materiali di studio.

  • AI-powered tutors: Gli studenti possono utilizzare AI-powered tutors per avere un feedback personalizzato e rivedere le loro prestazioni.

  • AI-powered research assistants: Gli studenti possono utilizzare AI-powered research assistants per aiutare a svolgere ricerche più efficienti e veloci.

  • AI-powered text-to-speech: Gli studenti possono utilizzare AI-powered text-to-speech per ascoltare i testi invece di leggere, migliorando la comprensione e la memoria a lungo termine.

  • AI-powered flashcard: Gli studenti possono utilizzare AI-powered flashcard per creare schede elettroniche personalizzate e migliorare la memoria.

 

Sono quindi molteplici e molte variegate le attività che si possono compiere con l’aiuto dell’intelligenza artificiale.

Ciò che è determinante è come la stessa verrà utilizzata, fino a quando rimarrà uno strumento di supporto allo studente potrà essere un grande aiuto per lo stesso. Se invece dovesse sostituire lo sforzo e la comprensione dello studente, probabilmente nel lungo termine l’effetto sarebbe deleterio e controproducente.

Sicuramente, seppur in questa versione embrionale, l’IA ci sta già dimostrando la sua utilità e presenza nel mondo del lavoro e dello studio.

Una presenza a cui dovremo abituarci, in quanto probabilmente sarà sempre più “presente”.

A nostro parere, la scuola dovrebbe quindi capire la stessa e introdurla nel proprio ciclo d’insegnamento, senza vederla solo come un nemico o una possibile scorciatoia per gli studenti.

 

Vuoi acquistare questo prodotto?

Perché Sceglierci
Clienti Soddisfatti