Cloud

Cloud. Che cos’è, a cosa serve, come funziona, vantaggi

Sulla bocca di tutti, il Cloud sembra davvero il futuro dell’informatica sia a livello business che consumer.

Ma cos’è realmente il Cloud? Cosa significa questo termine ed in cosa consiste esattamente il Cloud o “Cloud Computing”?

Scopriamolo.

Cloud

Significato di Cloud

Letteralmente la traduzione dall’inglese di questo termine significa “nuvola” (icona utilizzata infatti nei loghi di molte delle aziende che forniscono questo servizi). Termine azzeccato, visto che lo scopo del cloud è quello di permetterci di avere i dati e le informazioni necessarie sempre a portata di mano. Disponibilità garantita anche quando le applicazioni non sono fisicamente in nostro possesso.

Come una nuvola nel cielo, le informazioni ci seguono, in maniera leggera ma pronte per essere utilizzate.

La nuvola non è solo un “deposito” di dati, ma anche la possibilità di accedere a servizi, capacità di elaborazione e molto altro.

 

Cloud

Funzioni e servizi del Cloud

L’utilità dei servizi forniti dal Cloud diventa indispensabile quando si verificano o si necessita di una o più di queste condizioni:

  • necessità di trasferire files pesanti;
  • volontà di poter accedere ai files da diversi dispositivi anche mobili;
  • back-up dei dati e delle informazioni;
  • necessità di lavorare in maniera condivisa;
  • necessità di utilizzare servizi e funzionalità senza dover procedere ad un acquisto.

Appoggiarsi ad un servizio Cloud è quindi un ottimo sistema per semplificare il proprio lavoro, grazie alla copia di sicurezza dei file sempre aggiornata ed alla possibilità di raggiungere gli stessi da qualsiasi dispositivo.

Tipologie di Cloud Computing per aziende

Spesso consideriamo il Cloud Computing come una singola opzione per il salvataggio dei nostri files, ma lo stesso è molto di più, per una piattaforma declinabile in almeno tre diversi servizi. Le potenzialità del Cloud permettono infatti a privati e piccole aziende di usufruire di servizi e potenzialità che non potrebbero mai implementare all’interno delle loro strutture.

A livello aziendale, esistono tre diverse tipologie di Cloud:

  • IaaS, (Infrastructure-as-a-Service): modello di infrastruttura erogata come servizio, questa struttura remota viene utilizzata per sfruttare servizi di calcolo e di archiviazione. La soluzione IaaS permette alle aziende ed alle start-up di affittare i servizi e la potenza di calcolo di un infrastruttura IT (macchine virtuali, server, risorse di elaborazione ed archiviazione in base al consumo. Il vantaggio è evidente e consiste soprattutto nel permettere a realtà medio/piccole di avere accesso a capacità di calcolo ad un prezzo puntuale e solo per il tempo necessario.
  • PaaS, (Platform-as-a-Service): in questo modello, la piattaforma viene erogata come servizio. Ciò che viene quindi fornito è uno spazio ed i relativi strumenti necessari alla creazione e gestione di un applicazione Web. Il vantaggio di questa soluzione è quello di dare un ambiente pronto all’uso, permettendo quindi al programmatore ed azienda coinvolta di concentrare i propri sforzi sul progetto e non sulla struttura alla base dello stesso.
  • SaaS, (Software-as-a-Service), modello utilizzato per tutte le applicazioni basate sul Web. Questo modello viene utilizzato quando l’obiettivo è quello di distribuire software ed applicazioni tramite Internet. Non un semplice processo di download, ma un utilizzo del software direttamente dal Cloud per una fruizione dello stesso tramite i diversi dispositivi collegati al cloud stesso.

 

Ma è sicuro?Cloud

Il Cloud e le applicazioni ad esso collegate non sono meno sicuri di ciò che utilizziamo normalmente ogni giorno. Spesso lo consideriamo in maniera diversa, ma l’invio di nostri dati su piattaforme “non nostre” è infatti un operazione che eseguiamo già quotidianamente. Ogni volta che usiamo la posta elettronica o un social network, andiamo infatti a mettere informazioni su uno spazio privato che è nostro, ma allo stesso tempo non è fisicamente in nostro possesso.

Il sistema Cloud si basa su un concetto molto spinto di sicurezza, visto che eventuali problematiche andrebbero a minare l’intera infrastruttura. Ne consegue quindi, che come per molte applicazioni web, la parte più a rischio è quella dell’utente che fa l’accesso, che potrebbe smarrire o dimenticare i dati di login.

 

Costi e possibilità

Come per molte altre applicazioni online, tantissimi servizi in Cloud sono gratuiti fino a certi volumi, per poi diventare a pagamento con canoni mensili calibrati sulla dimensione necessaria.

Alcuni dei servizi Cloud più rinomati ed utilizzati in Italia sono:

  • Dropbox (2 GB);
  • Amazon Cloud Drive (5 GB);
  • iCloud (5 GB, dedicato a dispositivi Apple);
  • Google Drive (15GB);
  • Mega (50 GB);
  • Degoo (100 GB);
  • iDrive (5GB);
  • pCloud (10Gb);
  • Box (10Gb)

Tutti questi servizi, nella loro versione gratuita, hanno varie limitazioni, che vanno dalla dimensione del singolo file all’organizzazione degli stessi, fino alla possibilità di condivisione. Per un utente medio, l’adesione ad uno o più servizi, anche nella sua versione gratuita, è comunque sufficiente per le funzioni basilari (back-up e condivisione).

Cloud

Principio di funzionamento

Tanti servizi, che funzionano tutti più o meno allo stesso modo. La piattaforma di Cloud non fa altro infatti che sincronizzare i propri files online. Molti di questi servizi hanno poi anche applicazioni per pc o mobile, tramite cui si possono andare a creare delle cartelle che verranno monitorate dal servizio in cloud e mantenute sincronizzati sul web e sulle varie piattaforme.

 

Vantaggi per privati

I vantaggi di un servizio di questo tipo sono evidenti. Usare un servizio in Cloud permette infatti di poter ottenere allo stesso tempo:

  • un luogo sicuro immune da rotture hardware in cui conservare i propri back-up;
  • una piattaforma di scambio da usare per la condivisione di files “pesanti” non inviabili tramite posta elettronica;
  • una posizione in cui salvare files a cui si vuole accedere da diversi dispositivi e posizioni.

 

Per concludere

Anello di congiunzione tra i vari dispositivi e servizi che usiamo nella nostra quotidianità, il cloud Storage è una soluzione perfetta ed ideale per qualsiasi utente privato o business.

Il cloud è anche una soluzione perfetta per le aziende, soprattutto quelle medio-piccole, quelle innovative e le start-up. La disponibilità di sistemi di calcolo, piattaforme pronte su cui lavorare e spazi di archiviazione a costi minimi e manutenzione zero permette infatti anche alle aziende più piccole di accedere ad un infrastruttura altrimenti fuori budget.

Amato dai “nomadi digitali” il cloud, così come indicato dalla sua terminologia italiana è una soluzione, fisicamente scollegata dai propri device, ma sempre raggiungibile dagli stessi.

Vuoi acquistare questo prodotto?

Condividi questo articolo
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Perché Sceglierci
Clienti Soddisfatti